Fabio Girelli esce in Spagna


11069505_10202822560964428_113534227212353380_n

Come si dice “Marmellata di rose” in spagnolo? Semplice: Villa Triste.
Già, perché questo è il titolo che SD Edicions, editrice di Barcellona, ha scelta per l’edizione spagnola del secondo romanzo del nostro Fabio Girelli – Marmellata di rose, appunto – da poco approdata in tutte le librerie iberiche.
Il libro, uscito in Italia per Lineadaria edizioni nel 2013, aveva già riscosso un buon successo di pubblico e critica, vincendo il premio Microeditoria di qualità 2014 e ora si appresta ad affrontare il mercato spagnolo con una nuova veste grafica e un’edizione ad hoc.
SD Edicions inaugura così la sua nuova collezione Moddy Mots Black dedicata alla ‘novela negra’, con un autore di Torinoir, che viene affiancato alla francese Brigitte Aubert e il suo “La mort dels boscos”, edito in Italia con il titolo “La morte delle nevi”.

Marmellata di Rose è la seconda indagine del commissario Castelli: nei giorni in cui a Torino qualcuno uccide le galline di un amabile vecchietto e il cadavere di una giovane donna viene ritrovato in un cantiere della periferia con addosso i segni di efferate torture, segreti dimenticati emergono dal passato di una grande villa abbandonata. La squadra di Castelli – un ispettore con la vocazione da badante, un agente valdese effeminato e un efficiente sardo di poche parole – si getta nel caso mentre il commissario, sentimentalmente legato a Georgine, una transessuale di Ipanema, e affetto da una sindrome bipolare che lo fa vivere e lavorare a singhiozzo, dovrà scavare tra le rovine di Villa Triste per riannodare i fili che compongono la verità.

Condividi