Il ritorno del maggiore Morosini


Giorgio Ballario ritorna, a grande richiesta, in libreria con una nuova indagine del maggiore Aldo Morosini nell’Africa orientate italiana. Sarà un’estate rovente…

La storia:

Luglio 1936, l’Abissinia è conquistata e Mussolini ha proclamato l’impero. In una Massaua crocevia di militari e civili avviati verso il sogno della nuova Africa Orientale Italiana, il maggiore dei carabinieri Aldo Morosini si scopre vulnerabile: ha contratto la malaria ed è ricoverato in ospedale.

Mentre cerca di sconfiggere la malattia, l’investigatore deve anche coordinare a distanza le indagini su una misteriosa morte avvenuta in una villa isolata. Un ingegnere minerario che viveva da eremita è stato trovato impiccato: delitto o suicidio? Che cosa nascondono gli oscuri dipinti contrabbandati dalla vittima nello Yemen? E quali segreti custodisce la città di Harar, «isola» musulmana nell’ex impero cristiano del Negus, dove visse a lungo il poeta Arthur Rimbaud?

Sia pure indebolito dalla malattia e con il solo aiuto dei suoi fedeli collaboratori, il maresciallo Eusebio Barbagallo e lo scium-basci indigeno Tesfaghì, dopo innumerevoli sforzi e colpi di scena, Morosini riuscirà infine a dissipare le «nebbie» che celano i veri motivi della morte dell’ingegnere.

Le nebbie di Massaua
di Giorgio Ballario
Edizioni Del Capricorno

Condividi